Skip main navigation

Qual è lo scopo della mia vita?

La vita ha uno scopo e un significato. Dio, il nostro amorevole Padre, desidera che troviamo felicità e gioia. Ha creato un piano che ci consente di progredire, di vivere con fede e, un giorno, di ritornare a vivere con Lui. Il piano di Dio, spesso chiamato piano di salvezza, dà significato e contesto alla nostra vita sulla terra rispondendo alle grandi domande: “Da dove vengo?”; “Perché sono qui?” e “Che cosa accade dopo la morte?”.

La vita è il nostro banco di prova

Dio ci ha mandati sulla terra per imparare e progredire attraverso le esperienze, siano esse piacevoli o dolorose. Egli ci lascia scegliere fra bene e male e ci lascia decidere se servire gli altri o concentrarci solo su noi stessi. La difficoltà sta nell’avere fede nel Suo piano anche se non abbiamo tutte le risposte. Dato che tutti commettiamo errori, Dio ha mandato Suo Figlio, Gesù Cristo, perché potessimo essere purificati e perdonati. Quando accettiamo Gesù e seguiamo il Suo esempio, diventiamo meno egoisti e possiamo godere di un amore, di una pace e di una gioia più grandi.

Impara il piano di salvezza di Dio

Da dove vengo?

Prima di nascere vivevi con il tuo Padre Celeste. Egli ti conosceva, ti amava e ti ha istruito sulle scelte che conducono alla felicità duratura. Questo periodo è chiamato “esistenza preterrena”.

Dio ci ha presentato il Suo piano

Dio voleva che venissimo sulla terra per ottenere un corpo fisico. Qui affrontiamo difficoltà e situazioni che ci aiutano a imparare e a crescere così che possiamo diventare più simili a Lui.

Gesù è stato scelto come nostro Salvatore

Dio sapeva che avremmo fatto errori, così scelse Gesù Cristo affinché venisse sulla terra e soffrisse per i nostri peccati. Il sacrificio di Gesù ci permette di essere perdonati dei nostri peccati e di esserne purificati, in modo che un giorno potremo tornare a vivere di nuovo con Dio.

Qual è il mio scopo nella vita?

Noi non ricordiamo di aver vissuto con Dio prima di venire sulla terra. Pertanto dobbiamo imparare ad avere fede e a scegliere tra ciò che è giusto e ciò che è sbagliato. La vita non è facile, ma i momenti difficili ci aiutano ad apprezzare la felicità e la pace.

Il sacrificio di Gesù

Gesù soffrì e morì per i nostri peccati. Tuttavia, il Suo sacrificio non ci solleva dalla nostra responsabilità. Dobbiamo scegliere di accettare Gesù pentendoci quando facciamo degli errori, facendoci battezzare e obbedendo ai Suoi comandamenti.

Dove andremo quando moriremo?

Alla morte il nostro spirito e il nostro corpo si separano. Il nostro spirito va nel mondo degli spiriti. È un luogo di riposo e di felicità per coloro che hanno fatto delle buone scelte, mentre coloro che hanno fatto delle scelte sbagliate si troveranno in una condizione di infelicità, chiamata anche “inferno”.

Il mondo degli spiriti

Il mondo degli spiriti non è una destinazione definitiva o un giudizio finale. Infatti, poiché Dio è così amorevole e giusto, alle persone che si trovano in questa condizione di infelicità e che non hanno mai conosciuto Gesù in questa vita sarà insegnato il Vangelo e verrà loro data l’opportunità di accettarLo.

Tutti vivremo di nuovo

Gesù ha vinto la morte così che tutti noi potessimo vivere di nuovo. Questo evento si chiama risurrezione. Quando risorgeremo, il nostro spirito e il nostro corpo si riuniranno. Il nostro corpo sarà perfetto e non moriremo mai più.

Il Giudizio finale

Gesù ci giudicherà in base alle nostre azioni e ai desideri del nostro cuore. Egli sarà il più misericordioso possibile. Poiché le nostre opere e i nostri desideri sono diversi da persona a persona, in cielo ci sono diversi regni o gradi di gloria.

Il regno celeste

Il nostro Padre Celeste e Gesù risiedono nel regno celeste. Se vivrai seguendo gli insegnamenti di Gesù e sarai purificato dal peccato tramite il Suo sacrificio, andrai in quel luogo. Vivrai alla presenza di Dio e proverai una gioia eterna.

Il regno terrestre

Le persone che si rifiutano di accettare il vangelo di Gesù Cristo, ma che vivono comunque delle vite onorevoli riceveranno un posto nel regno terrestre.

Ricomincia
Il regno teleste

Coloro che persistono nei propri peccati e non si pentono riceveranno un posto nel regno teleste.

Scopri lo scopo che Dio ha per te

Gesù è la via per la felicità duratura e per la salvezza

La Bibbia insegna: “Poiché Iddio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figliuolo, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna” (Giovanni 3:16). Dio ha mandato Gesù a salvarci dai nostri peccati. Gli insegnamenti di Gesù dirigono la nostra vita e ci conducono alla felicità duratura. Il Suo sacrificio ci permette di dare un significato alla vita e di raggiungere il nostro pieno potenziale. Puoi intraprendere quel sentiero oggi stesso.

Il Libro di Mormon insegna il significato della vita

Come la Bibbia, il Libro di Mormon contiene istruzioni di Dio per i Suoi figli. Dio desidera che abbiamo successo nella vita e che troviamo la felicità. Le persone di cui si parla nel Libro di Mormon hanno affrontato molte sfide e hanno dovuto superarle con fede. Dalle loro esperienze e dai loro insegnamenti possiamo imparare di più sul significato della nostra vita.

Scopri di più sullo scopo della vita nelle Scritture

Vedi altre storie

“Per tutta la vita sono stato alla ricerca della verità. […] Ho incontrato quella che sarebbe diventata mia moglie e ho conosciuto la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni. Il forte spirito che sentivo durante le loro riunioni mi h incuriosito sempre più. Ho iniziato a leggere il Libro di Mormon e sono rimasto sbalordito dalla verità che attestava! Il Libro di Mormon mi ha fatto conoscere meglio la Bibbia. […] Leggendo il Libro di Mormon, tutti possono sentirsi più vicini al nostro Salvatore e possono capire meglio il significato della vita”.

“Mi sono laureata e, a 21 anni, avevo tutto quello per cui avevo lottato: un buon lavoro, una bella macchina e una vita sociale molto attiva, ma non ero comunque felice. Ho sentito di dover contattare i missionari […]. Ho accettato il loro invito a leggere il Libro di Mormon. Ho letto, studiato, pregato e saputo che era vero. […] Quella di diventare membro della Chiesa di Gesù dei Santi degli Ultimi Giorni è stata la decisione migliore che abbia mai preso — il Vangelo non pretende di rendere perfetta la tua vita, ma ti dà la possibilità di trarre il meglio da tutto e di sapere che non sei mai solo”.

“Avevo lasciato casa per frequentare l’università ormai da un anno e sentivo che doveva esserci qualcosa di più nella vita del vivere alla giornata. Sapevo che avevo bisogno di trovare Dio. Volevo sapere qual era la vera Chiesa. Quindi ho studiato molte religioni. […] In quel periodo, la mia migliore amica ha chiesto ai missionari di bussare alla mia porta. Anni prima una cosa del genere mi avrebbe dato fastidio, ma mi trovavo in una condizione in cui stavo cercando attivamente delle risposte. Desideravo una conoscenza personale. Il messaggio dei missionari sul piano di felicità del Padre Celeste mi era familiare, come se conoscessi già quelle cose, ma avessi bisogno di sentirle. Mi suonava tutto così familiare. Sapevo di volere qualcosa che avesse una vera sostanza, non la felicità fuggevole del mondo. Desideravo la vera felicità. Sentire che Dio ha un piano di felicità aveva senso per me. Sapere che il Padre Celeste è un Padre affettuoso e che sono Sua figlia, che ha mandato Suo Figlio Gesù Cristo per espiare e risorgere per noi perché ci ama, è per me come oro prezioso. […] Imparare il piano di felicità di un amorevole Padre Celeste era come il frutto più dolce che avessi mai assaggiato. Ho uno scopo, la vita ha una direzione, i rapporti e le famiglie hanno un significato”.

“Mi sono sempre chiesto, fin da giovane, quale fosse lo scopo della vita. Avevo letteralmente domande come: ‘Perché sono qui?’, ‘Da dove sono venuto?’ e ‘Dove sto andando?’. Quando li ho conosciuti, i missionari hanno risposto per me a quelle domande. Molto più importante delle loro risposte era la pace che portavano con loro. Era come se la mia vita avesse improvvisamente uno scopo, e io sapevo che, fino a quando sarei rimasto vicino al Signore, lo avrebbe sempre avuto. Essere un membro della Chiesa è stata una benedizione grandissima, come il fatto di avere la conoscenza e la testimonianza di Gesù Cristo che mi sono state date. So che la mia vita è nelle Sue mani. Con quel genere di prospettiva serena e fiduciosa, il futuro non fa così tanta paura. Ho imparato che la felicità è l’obiettivo della nostra esistenza. La vita non è sempre facile, ma posso affermare con certezza di essere una persona molto felice”.

“È folle pensare che sono una convertita di questa Chiesa. Ho trascorso parte della mia vita senza sapere realmente chi fossero Dio o Gesù Cristo. La mia famiglia non era religiosa ed era estremamente disfunzionale. La mia educazione non è stata per niente facile. Non ho mai saputo che ci fosse qualcosa di più nella vita o che ci fosse un Padre Celeste a cui importava di me. Non sapevo di avere uno scopo. Tuttavia, al liceo mi sono resa conto che volevo qualcosa di più dalla vita. Sapevo che doveva esserci qualcosa di più nella vita, e non volevo continuare sul sentiero che stavo seguendo. Mi sono rivolta a una delle mie amiche che era membro della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni e le ho chiesto di portarmi in chiesa con lei. Sono andata in chiesa e ho capito di aver trovato quello che cercavo. Ho iniziato a seguire le lezioni missionarie e il mio cuore ha cominciato a cambiare. Mi sentivo veramente bene e felice riguardo a ogni cosa, e tutto aveva senso. Ovviamente, non sapevo tutto, ma avevo fede. Sapevo che il mio Salvatore aveva sofferto personalmente per i miei peccati e per quelli di tutti noi. Sapevo di poter essere perdonata dei miei peccati ed era una cosa che mi rendeva umile. Ho pregato con tutto il mio cuore e ho saputo che questo è quello che il Padre Celeste voleva che facessi. Quella di convertirmi a questo Vangelo è stata la decisione migliore della mia vita. Per tanto tempo mi sono sentita persa, ma ora so qual è il mio scopo e so che c’è qualcosa di più oltre a questa vita”.

Mormon.org Chat is typing...